Siamo qui davanti a Te, in questo tempo che segna un epoca nuova.

Non farci cadere nel tranello che quando l’abbiamo vinta, abbiamo anche la ragione.

Non crediamo di fare ciò che Tu vuoi, ed è una felicità per noi, con le sole buone ragioni.

Liberaci, Gesù, dal solo pensare che ci siano soluzioni valide prive dell’apporto dell’Amore.

Fa che siamo capaci di perdere anche tutto ma non l’Amore.

Anche tra noi.

Fa che non sottovalutiamo che tu sei Pane di vita. Sarebbe come vivere senza di Te.

Come amare senza il tuo Amore che si spezza pur di essere tale?

Liberaci dalla ricerca del successo personale. Come dice Papa Francesco, non siamo chiamati anzitutto a metterti al centro, come se fossimo noi i protagonisti; siamo chiamati prima di tutto a toglierci dal centro, che spetta a Te.

E per questo donaci la forza del servizio. E chi serve non è mai padrone di qualcosa o di qualcuno. Chi serve non si vede perché il servizio è per altri e non per se stessi ed è se stesso solo quando è in funzione.

Infine donaci: La pace che è tuo dono; l’umiltà che libera dalla presunzione di far sempre bene e di potercela fare da soli; la sapienza che fa leggere i segni dei tempi.

E crea, ovunque noi siamo, quelle cellule vive che Ti contengono.

Grazie!

WP-Backgrounds by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann