11.09.2022 – 24^ del Tempo Ordinario: Vi sarà gioia nel cielo per un solo peccatore che si converte (Lc 15,10)

11.09.2022 – 24^ del Tempo Ordinario: Vi sarà gioia nel cielo per un solo peccatore che si converte (Lc 15,10)

Pubblicato da admin, Con 0 Commenti, Categoria: Commento al Vangelo, Liturgia,

Il tema che accomuna le letture odierne è la misericordia di Dio nei confronti degli uomini. E sappiamo che la rivelazione della misericordia di Dio raggiunge il culmine nella presenza di Gesù in mezzo a noi: è Lui il volto visibile della misericordia di Dio. Questa non si può comprare, si può solo ricevere come un dono.
Per farci comprendere questo, l’evangelista Luca ci racconta tre parabole: la pecora smarrita, la moneta perduta e il padre misericordioso. L’inizio del capitolo 15 fornisce lo spunto concreto perché Gesù possa proclamare le tre parabole della misericordia: “Si avvicinavano a Gesù tutti i pubblicani e i peccatori per ascoltarlo. I farisei e gli scribi mormoravano dicendo: Costui accoglie i peccatori e mangia con loro. Ed egli disse loro questa parabola…”.
Luca ci dice che noi possiamo perderci allontanandoci dalla comunità; ma possiamo perderci anche in “casa” cioè restando fisicamente nella comunità.
La conversione è questione di cuore: solo la misericordia di Dio tocca il cuore e lo cambia. Per mantenerlo nuovo poi è necessaria la Parola di Dio accolta e messa in pratica. Nella parabola della pecora perduta, Luca ci tiene a sottolineare che lo sforzo non è compiuto dalla pecora, ma dal pastore, che fa di tutto per cercarla e recuperarla. La conversione è frutto prima di tutto di Dio che va alla ricerca di chi è lontano da Lui. Per Dio infatti siamo in ogni caso un bene prezioso. E il ritrovamento vale bene una festa: gioia in cielo, una gioia condivisa con gli angeli. Nessun rimprovero, nessuna predica, nessuna rivendicazione; solo l’immensa gioia provocata dal ritrovamento e dal ritorno a casa. Anche noi, comunità cristiana, dovremmo essere “casa accogliente”, dovremmo essere capaci di essere attrattivi, non perché tutto va bene, ma perché abbiamo un cuore come quello di Dio.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP-Backgrounds by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann