17.10.2016 – 2^ Tempo Ordinario: La vera gioia!

17.10.2016 – 2^ Tempo Ordinario: La vera gioia!

Pubblicato da Stefano, Con 0 Commenti, Categoria: Liturgia, Omelie,

“Il tuo Dio gioirà per te” (Is 62,5).

“Non hanno più vino … tu hai tenuto da parte il vino buono” (Gv 2, 3.10).

Quel matrimonio certamente ebbe luogo e a Cana di Galilea. Ed è sicuro che fu presente “anche Gesù con i suoi discepoli”. Ed è ancora sicuro che “i suoi discepoli credettero in Lui”.

Lo svolgimento della festa è invece “filtrato” dalla mente, dal cuore e dalla logica dello Spirito che guidò uno dei commensali, che era Giovanni.

Egli è vicino a Gesù e osserva tutti i suoi gesti e i movimenti e, soprattutto, ascolta il dialogo con Maria sua madre.

Parlano fra loro e capisce che sta mancando qualcosa; c’è un disagio che serpeggia. Del resto quella coppia non è benestante e sta mancando l’elemento più importante della festa, il vino.

Ed è qui che Giovanni comincia a volare come un aquila – così è definito -.

Quale vino sta mancando? C’è un vino che si esaurisce e uno nuovo che è “molto buono”. Gesù allora è in grado di dare un vino di cui quello delle giare è solo un segno; il vino della gioia vera che abita in casa e irradia dappertutto.

Maria chiede il vino ma Giovanni intuisce che Lei può chiedere molto di più dal momento che le sente dire: “fate ciò che vi dirà Lui, qualunque cosa vi chieda!”.

È qui il segreto dell’ora di Gesù: essere pronti a tutto. Come lo è Lui col Padre.

In questa sintonia accade allora quel segno che prelude a molto di più grande: chi è Costui? Cosa accadrà con Lui e per Lui?

In questa circostanza di un vero matrimonio, Giovanni tuttavia nomina solo lo sposo e non la sposa! E allora c’è da chiedersi: chi è il vero sposo se non Gesù stesso? e chi è la sposa se non la Chiesa e con essa l’umanità intera?

Come è bello vedere trasfigurata la coppia che, in questo contesto, è l’immagine di questo rapporto!

Maria allora fa, in realtà, notare che manca la gioia, che non c’è comunione, che i due non si comprendono più!

È l’attesa delle meraviglie di Dio!

Ricordare bene che:

1.     Gesù viene ad illuminare i rapporti con il suo rapporto con noi.
2.     È portatore di gioia; un cristiano senza gioia, come una coppia senza gioia, non si capiscono.
3.     L’ora vera della gioia accade nel momento del dolore, della mancanza, se vissuti per amore … come sorgente d’amore.

WP-Backgrounds by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann