Amore Operoso

Pubblicato da Stefano, Con 0 Commenti, Categoria: Articoli,

 

Da due mesi non riceviamo più lo stipendio e con mia moglie cerchiamo di amministrare con molta attenzione quel poco che ci resta. Siamo preoccupati, non riesco a trovare un nuovo lavoro.

 

Una sera, tornando a casa, ci siamo imbattuti in un tafferuglio, ci fermiamo per vedere cosa succede. È una che, come noi, da due mesi non riceve lo stipendio e non può pagare il suo creditore. Il creditore urlava: “Ora basta, vengo a casa tua e prendo la tua radio!” (che costa molto di più). E il debitore: “Ti prego aspetta, appena ricevo i soldi ti pago!”. Ma l’altro non voleva sentire ragione. Noi avevamo in tasca i  pochi soldi che il creditore voleva, li tenevamo per la nostra famiglia, ma quella lite continuava e stava per degenerare.

 

Quella brutta scena ci rattristava.

 

Insieme abbiamo allora deciso di aiutare quel creditore. Gli abbiamo dato tutto quello che avevamo con noi, quei soldi bastavano e in un attimo la pace fu fatta. Siamo tornati a casa, contenti di aver portato la pace.

 

Dopo qualche giorno, arrivando a casa la sera abbiamo trovato quel “debitore”, era venuto a renderci i soldi. Come aveva fatto a sapere dove abitiamo? Per noi è inspiegabile perché non ci conosceva. Questa ci sembra la risposta dell’Eterno Padre. (E.L., Man)

 

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP-Backgrounds by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann