20.10.2019 – 29^ Tempo Ordinario: Necessità di pregare sempre, senza stancarsi (Lc 18,1)

20.10.2019 – 29^ Tempo Ordinario: Necessità di pregare sempre, senza stancarsi (Lc 18,1)

Pubblicato da Stefano, Con 0 Commenti, Categoria: Commento al Vangelo, Liturgia,

Il processo della liberazione dell’uomo si fa strada solo nell’impegno costante.  Come la strenua lotta di Giosuè sostenuto dalla fede, elimina gli ostacoli sul cammino verso la terra promessa (1a lettura), così la tenacia della vedova la spunta sul giudice iniquo (vangelo). Ugualmente si dica dei valori del regno di Dio: essi prenderanno consistenza tra gli uomini solo se da parte dei credenti ci sarà la dovuta perseveranza nel proporli (2a lettura).

Gesù nel vangelo di questa domenica, con il racconto della vedova insistente e del giudice iniquo, vuole richiamare alla necessità della fiducia in Dio e alla costanza nella preghiera. Una vedova, quindi una delle persone più deboli, deve ottenere giustizia da un giudice iniquo. Costui alla fine è costretto a cedere alle pressanti insistenze della vedova, almeno per non venire più scocciato. La tenacia della vedova ci è proposta come esempio: la fiducia e la perseveranza nel perseguire i propri progetti di giustizia vengono premiate.

La parabola evangelica riguarda la necessità di pregare sempre, senza stancarsi. Tutti noi durante le nostre giornate dedichiamo tempo, tante volte bello e abbondante, alla preghiera. Essa è un dialogo d’amore con il Signore della nostra vita. Essa è “un cuore a cuore” con Dio; impegna Dio all’ascolto, lo sollecita ad uscire dal suo silenzio per agire. Nello stesso tempo la preghiera vera e sincera non è un’azione magica, ma chiede la disponibilità e la collaborazione dell’orante. Innanzitutto la disponibilità a rinunciare ai propri per affidarsi ai piani di Dio. Attraverso la preghiera il discepolo “impara” Cristo. Nella preghiera impara l’amorosa, paziente attesa dello Sposo.

 

WP-Backgrounds by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann