21.02.2016 – 2^ Quaresima: Maestro, è bello per noi essere qui (Lc 9,33)

21.02.2016 – 2^ Quaresima: Maestro, è bello per noi essere qui (Lc 9,33)

Pubblicato da Stefano, Con 0 Commenti, Categoria: Commento al Vangelo, Liturgia,

La persona di Gesù è sempre il centro della liturgia, ma oggi si sottolinea in modo particolare la luce che da Lui proviene alla nostra vita: Egli è  “il ponte” che ci unisce a Dio. E Dio e offre la possibilità di un’alleanza nuova, di una relazione che fa sentire la nostra vita preziosa e feconda.

Nel brano del vangelo della Trasfigurazione, Luca ci fa conoscere che, in Gesù, Dio stesso rivela a noi la sua gloria. Ascoltare Gesù perciò significa ascoltare Dio, cogliere quello che Lui desidera per noi, trovare la direzione della nostra vita e i criteri da seguire nelle nostre scelte quotidiane. I tre discepoli, nonostante la pesantezza degli occhi, rimangono svegli, cioè sono resi capaci di stare davanti a quella “finestra sul mistero” che viene loro offerta.

Nel sonno “superato”, ognuno di noi può cogliere un insegnamento sull’efficacia della preghiera: essa consente alla creatura umana di tenere fisso lo sguardo sul mistero di Dio presente nella nostra vita. Pietro formula la proposta di prolungare quel momento così bello; ha fatto un’esperienza di incontro con Dio: ora è necessario tenere fissa la memoria su questo dono. Questo  consente anche a noi di vivere la vita quotidiana con quell’attenzione che ci permette di scoprire i segni numerosi della presenza e dell’amore di Dio che Egli con generosità ci dona in continuazione.

 

WP-Backgrounds by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann