22.03.2020 – 4^ di Quaresima: Sono la luce del mondo (Gv 9,5)

22.03.2020 – 4^ di Quaresima: Sono la luce del mondo (Gv 9,5)

Pubblicato da Stefano, Con 0 Commenti, Categoria: Commento al Vangelo, Liturgia,

L’invito alla gioia caratterizza questa domenica di metà Quaresima. E giustamente il cristiano può gioire perché il suo cammino verso la Pasqua è cammino di luce. Il tema della luce, quale dono di Dio attraverso Gesù, è oggi proposto dal racconto evangelico della guarigione di un uomo cieco dalla nascita. Il suo progredire nella conoscenza di Gesù è anche il suo crescere nella fede.

All’inizio quell’incontro suscita, com’era modo comune di pensare, una domanda: chi ha peccato per causare quella sofferenza fisica? Gesù aiuta l’uditorio a non fermarsi ad un eventuale peccato commesso nel passato, ma orienta la sguardo a quelle “opere di Dio” che aprono al futuro.

La sofferenza di un uomo diventa una provocazione all’agire. Di questo operare Gesù mette in evidenza anche il fatto che è urgente, e che occorre agire finché c’è giorno. E chi fa la differenza tra notte e giorno è la sua presenza: è Lui che rende “giorno” una situazione, perché è Lui la luce del mondo. Colui che cammina nelle tenebre è un cieco. Per passare alla luce è necessario riconoscere Gesù come guida. E allora la fede è uno sguardo nuovo gettato sulla realtà e su noi stessi. Per uscire dalla “cecità” (= non fede) è necessario prostrarsi, come ha fatto quell’uomo, davanti a Gesù. E la sua Parola diventa un lievito buono nella nostra lotta contro le tenebre, è il chiarore che trasforma ogni nostra azione. Accogliamo in questa settimana la parola che il Signore ci rivolge, mettiamola in pratica e chiediamo a Gesù che apra i nostri occhi e ci doni la possibilità di vedere con i suoi.

WP-Backgrounds by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann