29.03.2018 – Pasqua 2018 – Giovedì Santo: Dio e la sua linea di comportamento

29.03.2018 – Pasqua 2018 – Giovedì Santo: Dio e la sua linea di comportamento

Pubblicato da Stefano, Con 0 Commenti, Categoria: Pasqua 2018,

“«Durante la cena, si alzò da tavola» (Gv 13,4)”.

Cosa c’è di più tranquillo di una cena? Gesù aveva accettato tanti inviti tanto da essere tacciato da mangione e beone. Ma qui c’è qualcosa di nuovo e di inedito. Cosa vorrà farci capire?

Lavare i piedi agli altri, anzi lavarseli a vicenda. Dice infatti:

“Capite quello che ho fatto? … se io, il Signore e il Maestro, ho lavato i piedi a voi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri. Vi ho dato un esempio, infatti, perché anche voi facciate come io ho fatto a voi” (Gv 13,12.14-15).

Ora cosa comporta?

  • Prima di tutto non far conto del volto. Dai piedi, infatti, non si riconosce nessuno. È quindi un piegarsi a prescindere dalla diversità di ognuno.
  • Poi va fatto a vicenda perché non accada che uno si ritenga un semplice assistito o che appaia come più grande. Si tratta di riconoscere l’uguale dignità. Nessuno è più grande ma tutti si sentono apprezzati e valorizzati.
    • Coniugare bene i verbi del concreti del lavarsi i piedi:

 

-         Rispettare.

-         Apprezzare.

-         Aiutare.

-         Far sentire importante.

-         Dare fiducia.

-         Dare spazio.

-         Ospitare nel cuore.

-         Perdonare.

Intanto sarebbe già molto assumere due atteggiamenti:

*             “Piegare” le rigidità.

*      “Riconoscere” le capacità dell’altro: guarda cosa sei capace di fare, ed esserne felici più che per quello di cui siamo capaci noi.

Dopo 2000 anni sembra che non abbiamo ancora capito.

Lavare i piedi è un gesto umile e insieme grande perché manifesta la verità su ciascuno di noi e ci fa stare nella giusta dimensione.

Lo si comprende bene quando si prova ad emergere, lì per lì sembra che si è importanti ma alla lunga non conta più niente. Una persona mi diceva: “quando ero direttore tutti mi salutavano con riverenza, una volta andato in pensione, non mi guarda più nessuno!”

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP-Backgrounds by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann