Come vivere l’Amore in casa

Pubblicato da Stefano, Con 0 Commenti, Categoria: Articoli,

La carità è magnanima, paziente.

L’amore comporta sempre un senso di profonda compassione, che porta ad    accettare l’altro come parte di questo mondo, anche quando agisce in un modo diverso da quello che io avrei desiderato.

Benevola.

L’amore fa del bene agli altri e li promuove.

Non è invidiosa.

Il vero amore apprezza i successi degli  altri, non li sente come una minaccia, e si libera del sapore amaro dell’invidia.

Non si vanta, non si gonfia d’orgoglio.

Alcuni si credono grandi perché sanno più degli altri, e si dedicano a pretendere da loro e a controllarli, quando in realtà quello che ci rende grandi è l’amore che comprende, cura, sostiene il debole.

Non manca di rispetto.

L’amore, quanto più è intimo e      profondo, tanto più esige il rispetto della libertà e la capacità di attendere che l’altro apra la porta del suo cuore.

Non cerca il proprio interesse.

Una certa priorità dell’amore per se stessi può intendersi solamente come una condizione psicologica, in quanto chi è incapace di amare se stesso      incontra  difficoltà ad amare gli altri: «Chi è cattivo con se stesso con chi   sarà buono? [...]   Nessuno è peggiore di chi danneggia sé stesso» (Sir 14,5-6).

Non si adira.

Non bisogna mai finire la giornata senza fare pace in famiglia. «E come devo fare la pace? Mettermi in ginocchio? No! Soltanto un piccolo gesto, una   cosina così, e l’armonia familiare    torna. Basta una carezza, senza     parole. Ma mai finire la giornata in famiglia senza fare la pace!».

Non tiene conto del male ricevuto.

Se accettiamo che l’amore di Dio è senza condizioni, che l’affetto del   Padre non si deve comprare né pagare, allora potremo amare al di là di tutto, perdonare gli altri anche quando sono stati ingiusti con noi. Diversamente, la nostra vita in famiglia cesserà di      essere un luogo di comprensione,     accompagnamento e stimolo, e sarà uno spazio di tensione permanente e di reciproco castigo.

Non gode dell’ingiustizia ma si rallegra della verità.

La famiglia dev’essere sempre il luogo in cui chiunque faccia qualcosa di buono nella vita, sa che lì lo festeggeranno    insieme a lui.

Tutto scusa.

Gli sposi che si amano e si appartengono,  parlano bene l’uno dell’altro, cercano di mostrare il lato buono del coniuge al di là delle sue debolezze e dei suoi errori. In ogni caso, mantengono il silenzio per non danneggiarne l’immagine.

Tutto crede.

L’amore ha fiducia, lascia in libertà, rinuncia a controllare tutto, a possedere, a dominare. Questa libertà, che rende possibili spazi di autonomia, apertura al mondo e nuove esperienze, permette che la relazione si arricchisca.

Tutto spera.

Spera sempre che sia possibile una maturazione, un sorprendente sbocciare di bellezza, che le potenzialità più  nascoste del suo essere germoglino un giorno. Non vuol dire che  tutto cambierà in questa vita. Implica accettare che certe cose non accadano come uno le desidera, ma che forse Dio scriva diritto sulle righe storte di quella persona e tragga qualche bene dai mali che essa non riesce a superare in questa terra.

Tutto sopporta.

L’amore non si lascia dominare dal rancore, dal disprezzo verso le persone, dal desiderio di ferire o di far pagare qualcosa. L’ideale cristiano, e in modo particolare nella famiglia, è amore malgrado tutto.

 

(Stralci dal cap 4 di Amoris Laetitia di Papa Francesco su l’Amore nel Matrimonio)

 

WP-Backgrounds by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann